Questo post vuole essere una raccolta di consigli utili all’organizzazione di un viaggio di 7 giorni seguendo la scia del mio itinerario in California

Se vi sono piaciuti i miei racconti di viaggio legati al progetto #CaliforniaOnYourOwn, se avete volato insieme a me sulle ali del sogno californiano con il vento tra i capelli, se avete guidato “on the road” seduti sul sedile della mia Dodge e vi siete innamorati dei tramonti spettacolari anche solo attraverso le immagini, qui trovate tutti i dettagli per pianificare un viaggio in California e vivere sulla vostra stessa pelle tutto ciò che avete visto finora.

Passo passo infatti vi spiegherò dettagliatamente le tappe per vivere un tour della California come il mio. Partendo dal volo per Los Angeles fino al noleggio dell’auto, l’alloggio in hotel e molto altro.


Cerchi informazioni tecniche su come prepararti ad un viaggio in California? Leggi Now Your Know California


 Il mio itinerario in California

Il mio viaggio in California è durato esattamente 7 notti ed 8 giorni, comprese le ore di viaggio ed esclusi i fusi orari.

Le tappe dell’itinerario che ho creato per cercare di vivere al meglio questa esperienza, sperando di assaggiare un po’ di quella magia fatta di palme e cieli dorati per anni intravista su grande e piccolo schermo, sono state in ordine:

  • Los Angeles;
  • Hollywood, Universal Studios;
  • Beverly Hills e discesa lungo la costa Ovest: da Santa Monica a Redondo Beach passando per Venice.
  • Anaheim e Disneyland;
  • Deserto e Palm Springs;
  • Costa e Santa Monica;
  • Santa Monica e rientro.

Prima tappa: Los Angeles e Hollywood

Non essendo mai stata in California prima, ed avendo deciso di vivere questa sfaccettatura della West Coast, mi è sembrato naturale scegliere come prima tappa Los Angeles.

Hotels a Hollywood

Abbiamo passato le prime 3 notti ad Hollywood ed abbiamo alloggiato in due hotel diversi.
Il primo è stato l’Hollywood Plaza Inn appartenente alla catena Best Western,
Il secondo poco distante è stato l’Hollywood Celebrity Hotel prenotato grazie al tour operator Naar che mi ha assistito dalla terza notte in poi.

Entrambi si trovano vicinissimi a Hollywood Boulevard, Chinese Theater e Walk of Fame ed hanno la possibilità di parcheggiare l’auto, caratteristica da non sottovalutare.
La cortesia del personale in entrambi gli hotel è stato un’altro elemento chiave per un soggiorno piacevole.

Cosa fare e vedere a Hollywood e Los Angeles

Qui potremmo scrivere un libro.
Dopo aver scritto il post su dove mangiare a Los Angeles non mi dilungherò oltre sotto questo punto di vista, per quanto riguarda i punti di’interesse mi sento di nominare:

  • La zona di Hollywood, appunto, con Walk of Fame, Chinese Theater (con le impronte delle mani di molti attori) e tutto quanto collegato a questo mondo.
  • L’osservatorio Griffith, da cui si gode di un’impareggiabile vista sulla città e sull’insegna di Hollywood (bellissimo il tramonto);
  • Melrose Place;
  • Un giro in macchina sulle “Hills”, ovvero le iconiche  colline disseminate di ville e bouganville;
  • Il belvedere sulla Mulholland Drive, altro punto da cui si vede la città e l’insegna Hollywood;
  • Una passeggiata al Piñata District, zona della città in cui si alternano magazzini pieni di piñate di tutti i colori, distese di caramelle per riempirle e tutto l’occorrente per feste di ogni tipo. È davvero caratteristico, pieno di persone di origine messicana e qui si trovano buonissimi tacos e limonate.
  • Una giornata agli Universal Studios, che vi ho già ampiamente raccontato;
  • Downtown: la zona con i grattacieli, il Walt Disney Concert Hall di Frank Gehry ed il museo d’arte Lacma;

Se avete bisogno di altri consigli e volete approfondire vi consiglio questa guida realizzata da Studio Diy, un sito L.A. Based, da cui ho preso spunto anche io.


Seconda tappa: Beverly Hills e discesa lungo la costa

Il quarto giorno ci siamo mossi verso ovest a bordo della nostra Dodge con cambio automatico in direzione della costa.
Ma partendo da Hollywood per strada abbiamo aggiunto una meta intermedia: Beverly Hills. 

Cosa fare e vedere a Beverly Hills

  • Ovviamente Rodeo Drive, la via di shopping famosa in tutto il mondo con brand come Chanel e Louis Vuitton;
  • L’alternarsi di palme altissime a classiche villette con giardino.
    Vedere dal vivo tutto ciò che solitamente è su uno schermo è una cosa che trovo emozionante;
  • Fare un salto da Sugafina per comprare cioccolato o caramelle di design, zucchero colorato e qualche piccolo accessorio tanto inutile quanto deliziose, come ad esempio le buste con motto.

Cosa fare e vedere scendendo lungo la costa

  • Per quanto riguarda Santa Monica ci tornerò più approfonditamente nell’ultimo paragrafo
  • Venice Beach: la “Muscle Beach” dove uomini e donne davvero enormi si allenano in spiaggia, la pista da skate, la scritta Venice appesa e l’atmosfera un po’ boho del tutto rilassata che si respira in questa zona.
  • Provate le poke-bowl da mangiare, ovvero ciotoline di riso, pesce crudo e vari ingredienti che potrete mixare come volete.
  • Redondo Beach: per mangiare al vero ristorante sul molo della serie The OC.
    Non si trattava di una meta prefissata ma dato che ci trovavamo in zona abbiamo cercato in internet ed abbiamo scoperto che le scene del telefilm della mia adolescenza non erano state girate ad Orange County,  come dicevano gli episodi, ma sul molo di Redondo Beach.
    Così ci siamo messi in macchina mentre il sole tramontava ed abbiamo raggiunto la location poprio nel momento un cui la palla infuocata è scomparsa nell’oceano.
    Davvero emozionante cenare sui divanetti di pelle, pensando che da un momento all’altro Ryan e Marissa sarebbero entrati dalla porta.

Terza tappa: Anaheim e Disneyland

Vi ho già parlato di Disneyland e delle cose uniche che si possono fare un questo parco dei divertimenti californiano.
Quello che non vi ho detto è che, per essere comodi, la nostra soluzione è stata quella di passare quarta e quinta notte ad Anaheim, la città che ospita il parco.

Hotel ad Anhaim

Siamo arrivati al Best Western Plus Stovalls Inn la sera del quarto giorno in modo da svegliarci tranquillamente la mattina senza bisogno di percorrere chilometri in macchina rischiando di stancarci ancora prima di arrivare.

La posizione ottima dell’hotel ci ha permesso di raggiungere l’ingresso a piedi in 10 minuti senza dover pagare per ulteriori navette (anche se erano disponibili).
Im più l’impianto assomigliava molto a quello dei motel in cui ho sempre sognato di alloggiare, proprio per lo spirito di viaggio americano “on the road”.
A posteriori posso dire sia stata una selta azzeccata, così come fermarsi la sera stessa.
A mezzanotte, dopo una giornata di sole cocente e corse frenetiche, mettersi in viaggio sarebbe stato allucinante.


Quarta tappa: il deserto e Palm Springs

La mattina del sesto giorno dopo un’abbondante colazione ci siamo ci siamo messi in viaggio verso l’entroterra, il deserto e Palm Springs.

Hotel a Palm Springs

In questa caratteristica città-oasi le possibilità di alloggio sono davvero molte, noi grazie a Naar abbiamo dormito presso il Best Western Inn at Palm Springs.
Comodo, con stanze moderne e dotate di ogni comfort.

Il tocco in più? La colazione a bordo piscina e la possibilità di fare il bagno anche di notte.

Cosa fare e vedere a Palm Springs

  • Ovviamente ogni attività che comprenda relax e bikini;
  • Un giro per la strada centrale ricca di negozietti e locali, magari cenando ad uno dei mille ristoranti messicani;
  • Giocare a golf, ci sono infatti moltissimi resort con campi da gioco;
  • Organizzare un tour per vedere ville esempio di architettura moderna;
  • Provare l’esperienza della funivia aerea;

Se siete interessati a scoprire molte più curiosità e attività visitate il sito ufficiale di Palm Springs, è pieno di consigli utili.


Quinta tappa: Santa Monica

La mattina del settimo giorno, dopo un ultimo giro nel deserto, siamo tornati sull’oceano a Santa Monica.

Hotel a Santa Monica

Per la sua posizione strategica a soli 5 minuti a piedi dal molo, e contemporaneamente comoda alle passeggiate per negozi nella via centrale, l’Hotel Carmel è stato senza dubbio una buona soluzione.

Cosa fare e vedere a Santa Monica

  • Sicuramente banale e scontato ma va detto: un giro sul molo ed al  Pacific Park.
    Magari mangiando una fennel cake o un gelato.
    Questo luogo ad ogni ora del giorno ha un’anima diversa, va vissuto da mattina a notte fonda quando le luci lo accendono in tutto il suo splendore;
  • Shopping di bikini e abbigliamento da spiaggia sulla via centrale;
  • Bagnare i piedi nell’oceano;
  • Noleggiare una bici (oppure un tandem) e raggiungere Venice Beach.
    Noi l’abbiamo fatto a piedi in circa 45 minuti;

Spero che la mia esperienza ed i miei consigli di viaggio per organizzare un’itinerario in California vi siano stati utili. Se avete altre informazioni da chiedere o se invece volete arricchire qualche paragrafo con il vostro punto di vista sono tutta orecchie.

griffith park osservatorio su los angeles

itinerario california per vedere l'insegna di Hollywood a Los Anegels

Insegna Hollywood vista da Mulholland Drive

cose da vedere a los angeles: l'osservatorio Griffith

Osservatorio Griffith

vista notturna sulla città di Los Angeles dall'osservatorio griffith

Vista notturna di Los Angeles dall’Osservatorio Griffith

walt disney concert hall tappa itinerario di viaggio in california

Walt Disney Concert Hall

tappe per organizzare viaggio california: un itinerario on the road

Beverly Hills

rodeo drive negozi

rodeo drive ristoranti

rodeo drive

venice beach itinerario california

Venice Beach

ristorante sul molo di Redondo Beach location del telefilm The O.C

Il ristorante sul molo a Redondo, location del telefilm The O.C.

tramonto dal molo di Redondo Beach

Tramonto dal molo di Redondo Beach

tour della california spiagge

Il tramonto sulla spiaggia visto dal finestrino, seguendo il nostro itinerario in California

viaggio di nozze in california consigli

Hotel ad Anaheim, on the road

itinerario viaggio in California: consigli per raggiungere Palm Springs

La piscina del nostro hotel a Palm Springs

palm springs resorts

giardini lussireggianti a palm springs visti seguendo l'itinerario in california

locali messicani a palm springs sull'intinerario di viaggio in california

santa monica al tramonto

santa monica pier di notte

RELATED POSTS

1 Comment

  1. Rispondi

    Vanessa

    Agosto 9, 2016

    Ciao Sarah, che emozione! Mi hai fatto ricordare il mio viaggio di nozze negli USA. Più o meno, abbiamo seguito il tuo itinerario. Per forza di cose, abbiamo dovuto noleggiare un’auto su http://www.tinoleggio.it , poi con 3 piccole pesti, il trasporto pubblico sarebbe stato un po’ problematico. Che dire la California è unica. Paesaggi Fantastici e anche del buon vino, cosa che io non conoscevo assolutamente. Disneyland poi regala sempre emozioni uniche.

LEAVE A COMMENT

DO U WANT LOVE LETTERS?
Iscriviti e ricevi una dose settimanale di scintillio direttamente nel tuo inbox! Inoltre ogni venerdì è #FridayIsBeautyFull: contenuti inediti a tema beauty.
Niente spam, promesso.